5x1000-wwf-2021

Il Merlo ospite abituale delle nostre mangiatoie

Di scena il Merlo nelle nostre mangiatoie

9 gennaio 2021 - Il Merlo (Turdus merula) è ormai ovunque in città, abile nel cogliere furbescamente le buone opportunità a proprio vantaggio. Agile nello spostarsi, se allarmato e fatto involare, accompagna la fuga con un irritato strepitio, è un assiduo frequentatore delle nostre mangiatoie.

Il maschio con la sua caratteristica livrea nera, la femmina con un abito più dimesso e certamente più mimetico: ma non tutti sanno che si tratta di un tordo. Ce lo rivela il nome scientifico, Turdus merula, ma a dispetto della tradizione che addita come tordo la persona ingenua, il Merlo dimostra di essere invece un animale capace di cogliere furbescamente delle buone opportunità a proprio vantaggio. La città è infatti divenuta per la specie stabile residenza dove trovare facilmente cibo e tante occasioni per costruire il nido, ma soprattutto dove non si rischia di restare vittima delle doppiette dal momento che nelle città non si caccia.

Il Merlo in un disegno di Marco Preziosi

Certo qualche inconveniente c'è, gatti in ogni dove, possibili incidenti con le possenti automobili che tagliano all'improvviso la traiettoria di volo e le tante persone che pensando di dover aiutare i piccoli che lasciano il nido non ancora capaci di volare, li sottraggono alle cure dei genitori spesso costringendoli ad una vita in cattività. Tuttavia sembra proprio che il Merlo ritenga che il gioco valga la candela...  Da marzo in poi depone 3-5 uova che si schiudono dopo 12-14 giorni (due, tre covate annue). I piccoli si involano a circa 13 giorni. Quando si posa, solleva la coda in modo caratteristico e tiene le ali abbassate. Se allarmato e fatto involare, accompagna la fuga con un irritato strepitio. Il canto è sonoro, fischiato e flautato, emesso da posizione strategica. Si nutre di vermi, larve, invertebrati vari, semi, frutti, bacche e avanzi di cibo abbandonati dall'uomo (fonte: P. Brichetti, Uccelli. Conoscere, riconoscere e osservare tutte le specie di uccelli presenti in Europa, Novara 2004).