Mare-nuvole

Nature Restoration Law in bilico. Un accordo ancora non c’è

Occhi puntati su Europa e sui nostri deputati

30 giugno 2023 - Nature Restoration Law in bilico. Dopo la sessione della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo, che non ha raggiunto un accordo, occhi puntati sul voto in plenaria del 12 luglio che determinerà il futuro della Legge per il ripristino della natura. Per il WWF gli europarlamentari hanno ora un’enorme responsabilità nei confronti dei cittadini italiani.

La Commissione Ambiente (ENVI) ha confermato la sua divisione interna durante il voto finale sulla bozza di relazione sulla Legge sul ripristino della natura (Nature Restoration Law). Il risultato dei voti tra favorevoli e contrari, 44-44 non ha consentito di approvare una relazione finale comune. Questo offre l’opportunità di adottare un testo più coerente e ambizioso nel voto in plenaria del Parlamento Europeo previsto per il prossimo 12 luglio.

foto © Germund Sellgren - WWF Sweden

I deputati avranno l’opportunità di dimostrare la loro ferma posizione a favore di questa Legge fondamentale per arrestare la perdita della biodiversità e per l’attuazione del Green Deal dell’Unione Europea. Il Parlamento europeo deve votare a favore della natura e della salute dei cittadini europei, confermando gli obiettivi della Strategia per la biodiversità al 2030 e gli impegni assunti a livello internazionale con la COP15 della Convenzione sulla diversità biologica, smontando le false argomentazioni di chi si oppone a questa Legge. È il momento di agire con fermezza per proteggere i cittadini dagli impatti devastanti del cambiamento climatico e perdita della biodiversità.

Capo Rama al tramonto - foto M. Prinzi

Per il WWF gli europarlamentari hanno ora un’enorme responsabilità nei confronti dei cittadini italiani: lasciare che la natura continui degradarsi o votare a favore di una Legge che consentirà di porre finalmente rimedio ai danni arrecati al nostro capitale naturale, indispensabile per lo sviluppo sostenibile in Europea come nel resto del Pianeta.
Occhi puntati sulla plenaria del 12 luglio
Il voto del 12 luglio prossimo sulla Legge sul ripristino della natura sarà un indicatore della reale volontà dei diversi gruppi politici di trovare soluzioni concrete ed efficaci alla perdita di Natura in Europa. Anche su questo i nostri decisori politici saranno valutati dai cittadini nelle prossime elezioni europee del 2024.