Auguri feste 2018

WWF e RIDAJE insieme per l’Oasi Urbana del Tevere: pulita la sponda e raccolte firme per le api

I volontari e le guardie WWF con i giardinieri di RIDAJE

4 settembre 2021 - Il WWF Roma e Area Metropolitana e RIDAJE insieme per "l'Oasi urbana del Tevere". Partita oggi la campagna di crowdfundig per garantire il futuro dell'area, con i volontari impegnati nella pulizia della sponda del Tevere. Raccolte anche firme per la petizione europea sulle api.

Si è svolta questa mattina l’iniziativa che il WWF ha condotto con il supporto della start-up RIDAJE, dei volontari di WWF Young, degli studenti della Rome International School e di Explora, il Museo dei Bambini di Roma. All’interno dello spazio del Museo, in Via Flaminia 82, sono state raccolte le firme per la campagna “#STOP AI PESTICIDI - Per fare pace con la natura”, una petizione diretta alle Autorità Europee che si propone di eliminare progressivamente i pesticidi sintetici dall’agricoltura europea, ripristinare gli ecosistemi naturali nelle zone agricole, riformare il settore agricolo dando priorità all’agricoltura su piccola scala, diversificata e sostenibile.

Un momento delle operazioni di pulizia di oggi

Svolta anche attività di volantinaggio per invitare i cittadini a firmare la petizione che ha come termine ultimo la data del 30 settembre. La mattinata è stata occasione di una ulteriore sfida: quella di RIDAJE che con il WWF Roma e Area Metropolitana ha lanciato la campagna di crowdfunding finalizzata al finanziamento di interventi di riqualificazione all'interno "dell'Oasi Urbana del Tevere" -Lungotevere delle Navi nel centro della Capitale - un tratto di sponda lungo il quale la Natura è tornata spontaneamente. La raccolta fondi sul web è stata presentata dai responsabili della start-up che hanno invitato a contribuire fino alla fine del mese di ottobre attraverso il sito www.ridaje.com 

L'interno del tratto di sponda del Tevere ripulito

Dalla sede del Museo i volontari del WWF assieme ai giardinieri di RIDAJE si sono poi spostati verso l'Oasi Urbana del Tevere in corrispondenza del Palazzo della Marina Militare, sotto ponte Matteotti. Un'iniziativa che ha rinnovato l’impegno del WWF per l’area, un lembo di Natura prezioso e ricco di biodiversità, per la quale il Consiglio regionale del Lazio ha approvato all’unanimità lo scorso 14 luglio la mozione presentata dal Presidente della Commissione ambiente della Regione, Valerio Novelli, che impegna la Giunta ad avviare l’iter tecnico per l’istituzione del Monumento Naturale.

L'impegno è di rendere costanti queste iniziative di volontariato

“Si rafforza l'impegno del WWF - dichiara Raniero Maggini Presidente del WWF Roma e Area Metropolitana - per l'Oasi Urbana del Tevere, che speriamo presto di poter presentare come Monumento Naturale. Una maggiore forza data anche dalla partnership con RIDAJE e siamo certi verrà vinta la sfida lanciata per sostenere concretamente gli interventi necessari a rendere l'area fruibile per tutti. Un sincero ringraziamento inoltre ai ragazzi della Rome International School e agli Amici di Explora, sempre disponibili e pronti a lavorare assieme. Nelle prossime settimane torneremo nell'Oasi per estendere le attività oggi avviate, fortemente convinti che si sia aperta una nuova stagione per il futuro di quest'area."

I primi sacchi pieni: alla fine saranno 30

Alla fine delle operazioni di pulizia i volontari hanno raccolto 30 sacchi di rifiuti divisi, per quanto è stato possibile, per materiali differenziati e lasciati in consegna agli operatori dell’AMA (che ringraziamo). Si è conclusa così, nel miglior modo possibile e con un tangibile risultato concreto, la mattinata che ha visto all’opera una delle più importanti risorse della nostra città: i volontari che dedicano il loro tempo libero al bene comune e alla tutela della biodiversità. Un risultato straordinario che per il futuro prossimo, grazie ai giardinieri di RIDAJE e ai risultati del crowdfunding dei cittadini che ci aspettiamo generosi, potrà diventare un contributo regolare e costante nel tempo alla bellezza inaspettata di questo scorcio di Natura nel centro della Capitale